lunedì 4 luglio 2016

Teaser Tuesday #3 L'ultima stella di Rick Yancey


Bentornati al nostro appuntamento settimanale, con la rubrica " Teaser Tuesday".
E' una rubrica ideata dal blog Should Be Reading , semplicissima da seguire, nella quale può partecipare chiunque!
Adesso vi spiego le regole :


* Prendi il libro che stai leggendo
* Apri una pagina a caso
* Condividi un estratto di quella pagina (Teaser, appunto^^)
* Attenzione a non fare Spoiler
Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.


Il Teaser di oggi :


Siamo l'umanità.
Siamo uniti in un solo corpo.
Siamo la ragazza con la schiena spezzata )eduta scomposta in una stanza vuota in attesa della fine.
Siamo l'uomo crollato a terra qualche centinaio di metri più in là, e la sola cosa che ancora vive in noi non è viva, ma un apparato alieno che con ogni risorsa a sua disposizione tenta di salvare il nostro corpo disteso sul cemento freddo facendone ripartire il cuore.
Non c'è differenza tra noi e il Dodicesimo Sistema.
Il Dodicesimo Sistema è noi e noi siamo il Dodicesimo Sistema.
Quando cede uno, muore anche l'altro.
Siamo i prigionieri a bordo del Black Hawk che, 
mentre gira intorno alla base con sempre meno carburante, sorvola un ampio fiume dalle acque nere e impetuose, e le nostre voci sono soffocate dal vento che ruggisce nel vano passeggeri aperto, e le nostre mani si tengono strette: siamo legati l'uno all'altro in una catena ininterrotta.
Siamo le reclute che si affrettano verso i posti di combattimento, quelle salvate, quelle selezionate, il raccolto che è stato radunato su scuolabus e diviso in gruppi in cui i nostri corpi si sono irrobustiti e le nostre anime si sono svuotate solo per essere riempite di odio e speranza, e mentre usciamo dai bunker sappiamo che l'alba si avvicina e che con l'alba si avvicina la guerra, ed è una cosa che desideriam e o e temiamo da tempo, la fine dell'inverno, la fine di noi.
Ricordiamo Razor e il prezzo che ha pagato: è in suo onore che abbiamo inciso sui nostri corpi le iniziali VQP.
Ricordiamo i morti, ma fatichiamo a ricordare i nostri nomi.
Siamo quelli sfuggiti, quelli schivi, quelli che non sono montati sugli scuolabus che passavano scoppiettando sulle statali, sulle vie di città deserte, sulle strade di campagna desolate. Abbiamo cercato un riparo per l'inverno, tenuto d'occhio il cielo e diffidato di ogni sconosciuto.
Ci siamo piegati , ma non spezzati.
Ora il nostro lavoro è finito e scrutiamo il cielo aspettando una salvezza che non arriverà.
Siamo i sette miliardi di esseri umani sacrificati, quelli dei cui corpi non restano che le ossa. Siamo quelli eliminati, quelli scartati, quelli dai nomi perduti, dai volti indifferenti a vento,terra e sabbia.
Nessuno ci ricorderà, le nostre tracce sono state cancellate, la nostra eredità è andata distrutta, i nostri figli e i loro figli, e i figli dei loro figli in guerra l'uno contro l'altro fino all'ultima generazione, fino alla fine del mondo.
Siamo l'umanità. Di nome facciamo Cassiopea.
 
( pagine 289 e 290)


e adesso tocca a voi, lasciatemi in un commento l'estratto del libro che state leggendo ^^


Nessun commento:

Posta un commento

Questo post ti è stato utile?