domenica 18 dicembre 2016

Recensione #16 : The Program di Susanne Young



Finalemente rieccomi!
Lo so, lo so ...sono stata assente per quella che è sembrata un'eternità!
Ma adesso sono tornata , ricaricata e soprattutto con un mucchio di cose da raccontarvi.... Ma procediamo con ordine.
Il libro di cui sto per parlarvi è un romanzo ya distopico che ha fatto furore quando è uscito, lo scorso anno. Pensate che stia esagerando? Continuate a leggere e poi ne riparleremo ...




 Titolo The Program
Autore Suzanne Young
Editore De Agostini
Genere Fantascienza / YA / Distopico
Pagine 400
Prezzo 9.90€


Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.


Come ben sapete ho un vero e proprio debole per i libri distopici, soprattutto se ben equipaggiati con storie d'amore tra adolescenti....si lo so, da vera Fangirl.
Devo confessarvi che è stato davvero coinvolgente, soprattutto dal punto di vista emotivo. La cosa davvero straordinaria di questo romanzo è la quasi assenza di azione. Non nel senso che i protagonisti si trovano legati da qualche parte e noi assistiamo ai loro deliri...
Solitamente i libri di questo genere sono caratterizzati da gruppi di ribelli che si coalizzano per opporsi a chi sta al potere...qui si ha come l'impressione che le persone, in questo caso gli adolescenti accettano, o meglio si sottomettono alle rigide regole, imposizioni, senza fare nulla per fermarle.
Magari mi sbaglio, o è troppo presto per parlarne, visto che è uscito il secondo volume della duologia.


A parte questo l'ho trovato assolutamente fantastico!
E' stato come trovarsi all'interno della testa di Sloane che veniva sommersa da una mareggiata di parole, pensieri, angosce, dubbi.
Sloane, wow che personalità.
Una ragazza che ha una forza incredibile, che cerca in tutti i modi di non arrendersi ,anche quando capisce di non avere molte alternative, lotta con tutta se stessa per conservare i suoi ricordi, la sua vera identità.













1 commento:

  1. Ciao! Che bella recensione! Questo è un libro che rientra nella mia tbr di quest'anno e non vedo l'ora di leggerlo. Mi serviva proprio una recensione chiara come la tua :)

    P.s mi sono iscritta ai lettori fissi, se ti va di fare un salto da me mi trovi qui: http://eaglegreenleaf.blogspot.it/?m=0

    RispondiElimina

Questo post ti è stato utile?