venerdì 29 dicembre 2017

Recensione #18: "Io e te come un romanzo" di Cath Crowley


Salve gente!
Oggi vi parlo della mia ultima lettura, "Io e te come un romanzo" scritto da Cath Crowley.
Vi confesso la mia ignoranza, non avevo mai sentito parlare di quest'autrice, ma si è appena guadagnata un posto d'onore nello Scaffale dei Preferiti!
Vediamolo nel dettaglio:

 Titolo: io e te come un romanzo
 Autore: Cath Crowley
 Editore: DeAgostini
 Genere: Drammatico/Romance/Young Adult
 Pagine: 349
 Prezzo: €14.90
 Voto: 


Trama
Ci sono ferite che non si rimarginano, giorni che non si dimenticano. Come quello in cui il cuore di Rachel si è spezzato per la prima volta. E' una notte d'estate, e lei sta per trasferirsi dall'altra parte del Paese.  Nelle ore che restano prima della partenza lei vuole dire addio a tutto ciò che sta lasciando: la scuola, gli amici e, più di ogni cosa, Henry Jones, il ragazzo che conosce da sempre, con cui ha condiviso le letture, i sogni, le paure e le passioni. Così, Rachel entra furtivamente nella libreria gestita dai Jones e infila una lettera tra le pagine del libro preferito di Henry. Una lettera in cui gli confessa il suo amore, un messaggio in bottiglia lanciato in un oceano di parole, a cui lui non risponderà mai. Sono passati tre anni, e quel giorno sembra appartenere a un'altra vita perché Rachel, nel frattempo, ha perso il fratello; e lei non è che l'ombra di quel che era. Il dolore la soffoca, e sembra che l'unica via d'uscita sia tornare a casa e riavvicinarsi alle cose che ama di più: la libreria e Henry. I due iniziano a lavorare fianco a fianco, circondati dai libri, confortati dalle voci senza tempo di scrittori e poeti. E, mentre tra gli scaffali impolverati si intrecciano le storie di un'intera città, Henry e Rachel si ritrovano, perché non c'è posto migliore delle pagine di un libro per ritrovarsi.
Toccante come Raccontami di un giorno perfetto, un romanzo indimenticabile che parla dell'amore in tutte le sue forme. L'amore per chi non c'è più, l'amore per chi ci ferisce e per chi ci guarisce. E poi c'è l'amore più puro di tutti; quello per i libri.


"Ogni storia d'amore è una storia di fantasmi.
Il re pallido di David Foster Wallace
segno trovato a pagina 585"

Comincia così questa storia, con la citazione da un libro. E ce ne saranno altre di citazioni, a dire il vero, alla fine di ogni capitolo, troveremo una frase, a volte molto breve, ma davvero efficace, perché imprime nella nostra mente il passaggio significativo di quel capitolo.

Questo libro è qualcosa di speciale. Ti lascia senza parole per la sua complessità e bellezza. C'è praticamente tutto quello che vorresti trovare dentro un buon libro. C'è una storia d'amore, più di una a dire il vero, c'è un mistero, il dolore per una perdita, quindi una lotta interiore per trovare il coraggio di andare avanti e soprattutto, ci sono i libri. E sì. Un sacco. E la cosa straordinaria è che non fanno da cornice, ma sono partecipi, anzi sono proprio loro il più delle volte a fornirci le risposte che cercavamo.

Straordinario. Se esistesse una qualche pillola che facesse dimenticare di aver letto un libro per poterlo leggere come se fosse la prima volta, la prenderei subito. 


"Il passato è con me; il presente è qui. Il futuro è tutto da 
disegnare e si può cambiare. Dobbiamo solo
immaginarlo, mentre si stende davanti a noi.
Pieno di sole, del blu profondo del mare,
e di tenebra."



Nessun commento:

Posta un commento

Questo post ti è stato utile?

Recensione #20: "Numbers" di Rachel Ward

La mia ultima lettura è un romanzo acquistato d'impulso su una bancarella. Ricordavo vagamente di averne sentito parlare ed ero sicur...